Ogni cucina è un backstage. A volte, di un podcast!
28 Febbraio 2021 Fabiana Magrì

Ogni cucina è un backstage. A volte, di un podcast! Resto del mondo

Ogni cucina è un backstage. A volte, di un podcast!

Slide Tavola disegno 138

Essere ammessi nella cucina di qualcuno, è sempre un privilegio. Perché la cucina è, di fatto, il “dietro le quinte”. Di un ristorante o di un individuo.

Giovanni Terracina e Dario Bascetta Greco, in piedi in cucina, schiena contro schiena, sorridenti

[Febbraio 2021]

 

La cucina di una casa privata è uno spazio intimo. Dal primo caffè della giornata all’ultimo piatto riposto in lavastoviglie dopo cena, è il luogo dove quotidianamente si ripetono i rituali più intimi, di una famiglia o di una persona. Rituali che sconfinano – sempre – in ossessioni. «C’è un unico criterio per riporre ogni cosa al posto giusto», rispondo a chiunque si offra di aiutarmi a riordinare la cucina: «cioè, il mio!». Anche – e forse ancor di più – quando la cucina non è, all’europea, una stanza separata dal resto di casa da una porta e quattro mura. Se è all’americana, dove tutto accade allo scoperto, nello spazio dove si cucina può entrare solo chi si trova sulla stessa nostra lunghezza d’onda.

La cucina di un ristorante, invece, è un terreno di squadra. Cameratismo o dissapori, ogni sentimento rimbalza tra fornelli, frigoriferi e forni e si amplifica.

Lo chef Iosif Petrof del Serenissima alla Canea, a Creta, un giorno mi accolse nella sua cucina (vuota), molto piccola, affacciata direttamente in sala, un ambiente intimo, raccolto e raffinato come il palazzo veneziano del 1550 che ospita il ristorante.

Link per ascoltare Gusto Kosher Podcast Edition

>> Spreaker

>> Spotify

>> Apple Podcast

>> Deezer 

>> Podchaser 

>> Podcast Addict

Giovanni Terracina ridacchia in cucina, nel backstage del podcast

«Non possiamo permetterci di non essere in armonia», mi disse. «Per questo non assumo nessuno che non sia stato mio allievo, che non sia cresciuto al mio fianco. Siamo un’allegra famiglia in cui si parla di tutto, non solo di lavoro ma anche delle nostre vite, dei nostri problemi. La cucina non è solo arte o piacere o cibo. È ingegneria, chimica, psicologia. Cucinare scatena una marea di sensazioni».

 

Quando si registra un programma, una cucina è contemporaneamente il set e il suo backstage. Durante la produzione dei quattro episodi di Gusto Kosher Podcast Edition, nella cucina del catering Lebonton sono entrati cuochi, tecnici del suono, microfoni, computer e tante risate. Sono entrati estranei, che ne sono usciti da amici, dopo un abbraccio e con una bottiglia di vino in mano. I rumori quotidiani – di coperchi sulle pentole, di coltelli sui taglieri – sono diventati colonna sonora. Si sono trasformati nel richiamo per l’ascoltatore, che grazie al caos che si fa sinfonia, può immergersi in un’atmosfera reale.

 

Ascoltare è un atto meno scontato che guardare. Per questo motivo, raccontare storie è un’arte.  

photo by Riccardo Magrini Alunno 

NOTE
Gusto Kosher Podcast Edition è prodotto da Lebonton Catering, in collaborazione con Food Confidential e Beshushu, con il contributo dell’Ambasciata di Israele a Roma.

Due passi nella Canea contemporanea Resto del mondo Due passi nella Canea contemporanea LEGGI Sedie e tavoli di design per gli interni colorati e luminosi nella sala ristorante dell’Ammos Hotel. Ogni seduta è diversa dall’altra per forma, colore, materiale e autore e fa parte della personale collezione di Nikos Tsepetis, proprietario dell'hotel.

Slide Tavola disegno 131

Questa NON è (ancora) una newsletter… 

È il modo per restare in contatto, per incontrarci in uno spazio un po’ privato, 
per scambiarci proposte, condividere storie e suggerimenti. 

OK! Puoi iscrivermi alla Mailing List!